Draugur, il Landvættir Necromantico

🇬🇧

Il Draugur, è una creatura necromantica della tradizione scandinava; appartiene alla pratica Vanatrú, ed erano dei fedeli compagni delle streghe Vaniche. 

Dette creature, erano soprannominate anche Aptrgangr, ovvero, coloro che camminano dopo la morte. Creature che accompagnavano il folk scandinavo e che venivano evocate dalla strega dei Vani sotto azione sciamanica e sotto la pratica tröldr, in utiseta sopra tumuli.

In old Norse il termine veniva associato a “fantasma” come spirito di un morto, anche se spesso, veniva legato ad alcune forme di draghi, le stesse forme che troviamo nella pratica necro come Fafnir, da qui la parola norvegese “drage”, ed addirittura la connotazione ad un tipo di vampiro alato, che vive nei pressi del mare.

Si credeva che i draugar (plurale) vivessero nei tumuli e che appartenevano al fuoco della trasmutazione, che corrisponde al rito necromantico, usato per la pratica del familio occulto, che corrispondeva sempre a forme di passaggio tra vita e morte. 

Erano noti anche come Trollskap portatori di conoscenza stregona, ed a sua volta, portatori  anche della pratica runica in spá ok sýn. 

Erano dei mutaforma connessi alla figura della Mara, (spesso ne assumevano anche le sembianze) ed erano esperti nella pratica di intrusione ai sogni, durante il periodo precedente alle winternacht (da settembre ad ottobre).

Tröld del Vanatrú 

Le fonti filologiche di questa figura, che come detto popola il culto del Vanatrú, poiché si associano ad entità locali (spirito del luogo cimiteriale) sono:  la Eyrbyggja e la Gettis saga. Ovviamente non escludiamo altre fonti, che sono esposte nei nostri testi. 

I Draugur lasciavano la propria tomba per visitare i viventi durante la notte, questo tipo di visite erano terrificanti e spesso finivano con la morte di qualcuno, che a sua volta, se non veniva lavorato stregonicamente con aghi sulla pianta del piede ed altre “pulizia” lasciate sulla bara, sarebbe diventato anch’esso un non morto.

Lo spirito del tumulo, aiuta la strega a colloquio e favorisce una sorta di pulitura energetica al cospetto della strega stessa. Non ha ruolo difensivo ma solo di utilizzo a scopo rituale, ovvero: esser sfamato in cambio di servizio cimiteriale per le pratiche necromantiche.

Per approfondimenti: 

Laugrith Heid, La Stregoneria dei Vani, Anaelsas edizioni.

Laugrith Heid, Kindirúnar, Le Rune della Stirpe, Il Grimorio Necromantico, anaelsas edizioni.

*Gli “share” senza citazione della fonte sono elemento di querela poiché si ledono gli elementi del copyright sanciti dalla legge italiana*

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.